Archivi tag: tg1

Balle Spaziali

Ogni sabato Marco Travaglio svela le bugie della politica: notizie inventate, ingannevoli o distorte che hanno come unico intento quello di disinformare.

Annunci

Trova le differenze – La stessa notizia su Sala vale 18 secondi, per la Cinque Stelle invece titoli e servizi

istituto-luceISTITUTO LUCE
C’è sindaco e sindaco: Roma apre i tg, Milano no

C’ è inchiesta e inchiesta. Soprattutto, c’è sindaco e sindaco. Tra la vicenda che riguarda Virginia Raggi e quella del primo cittadino di Milano Giuseppe Sala – ex amministratore delegato di Expo eletto con il centrosinistra – ci sono tante differenze, ma la più nitida è nel trattamento dei mezzi d’informazione…Continua>>

Gli imboscati (Marco Travaglio)

C_mzI9AW0AA8_BoDa tre giorni, nelle migliori redazioni, semina il terrore un oggetto volante non identificato, un tempo detto “notizia”. L’ha svelata nel suo nuovo libro uno dei più autorevoli e prudenti giornalisti viventi, che non declina neppure le proprie generalità se non in presenza del notaio: Ferruccio de Bortoli, ex direttore… Continua »

IL PD HA SBRANATO LA RAI (Franco Bechis)

renzi-raiOccupa oltre il 60% della programmazione politica

In un anno l’occupazione dei programmi politici sale dal 16 al 42 per cento. La Lega si ferma al 3,6 e i 5stelle al 3

La cifra è fra le più alte che sia mai stata registrata in Rai da quando si censisce… Continua »

RAI, SE MI CONSIP TI CANCELLO

cinegiornaleADESSO CHE TUTTI i quotidiani aprono con titoli a nove colonne sull’inchiesta che coinvolge parenti, amici e collaboratori di Matteo Renzi, riusciranno i tg del servizio pubblico a declassare ancora la notizia? Ma certo che ci riescono. Ecco i titoli delle edizioni serali del 2 marzo. Tg1, primo lancio: per… Continua »

La notizia scomparsa da tutti i tg della #Rai

ilfatto_2017-02-19SCANDALO CONSIP
Sui Tg Rai è vietato parlare di Tiziano Renzi indagato
Vietato parlare dell’inchiesta Consip: gli affari continuano

Il silenzio di media e politica intorno all’indagine sulle presunte tangenti per il maxi-appalto Consip da 2,7 miliardi ha conseguenze molto concrete: Luigi Marroni, l’amministratore delegato scelto da Matteo Renzi, resta… Continua »

La post-Rai (M.Travaglio)

il-fatto-6-1-2017Nel suo ultimo film Oliver Stone racconta la storia di Edward Snowden, il giovane analista della Cia che rinuncia a tutto – vita, affetti, lavoro e stipendio – per svelare agli americani e al mondo una notizia vitale per la democrazia: il governo degli Stati Uniti calpesta scientemente la Costituzione… Continua »

Paura referendum, la Rai diventa TeleRenzi

36156478_denuncia-querela-contro-il-governo-renzi-per-la-legge-ad-capocchiam-sul-canone-rai-da-pagare-nella-1La Rai renziana usa il canone per diventare Telereferendum

La data del referendum si avvicina e i sondaggi preoccupano molto il Bomba. Che decide di correre ai ripari mobilitando tutte le reti statali in una serratissima campagna referendaria. Così, di fatto, viale Mazzini si trasforma in una Telerenzi. In Rai, infatti, sta per arrivare una maxi infornata di programmi tutti tarati sulle riforme alla Costituzione per tirare la volata finale al «sì». Le opposizioni insorgono. E intanto i cittadini continuano a pagare il canone di una televisione sempre più faziosa…Continua >>

CINEGIORNALE LUCE – ORFEO, UNA VITA PER IL PANINO

cinegiornale
IL TG1 DI MARIO ORFEO ha un peculiare senso della misura. Ricorda la bilancia dei Balek, i proprietari terrieri che truffavano generazioni e generazioni di lavoratori dei campi, nel meraviglioso racconto di Heinrich Böll.
Sul referendum costituzionale, la distribuzione dei tempi segue più o meno questo schema: ogni due servizi… Continua »

Pistoia, tutta la Giunta Comunale PD indagata. Avete sentito qualcosa nei TG Rai?

download
“Alterate le graduatorie”. Accuse di abuso e associazione a delinquere

Un terremoto politico. Il sindaco di Pistoia, Samuele Bertinelli, del Pd, è indagato assieme a tutti e cinque gli assessori della sua giunta di centrosinistra e ad alcuni dirigenti del municipio nell’ambito di un’inchiesta sulle nuove assunzioni a Palazzo di… Continua »

L’intrepido Mario Orfeo ha scoperto il giornalismo di inchiesta

marioorfero_giorndi Franco Bechis

Al Tg1 di questa sera abbiamo visto finalmente l’intrepido Mario Orfeo cimentarsi con il giornalismo di inchiesta. Naturalmente sui rifiuti di Roma che naturalmente si sono improvvisamente accumulati in un cassonetto (il solo mostrato nella inchiesta) giorno dopo giorno da quando c’è una nuova giunta a Roma guidata dalle più straordinarie produttrici di rifiuti: Virginia Raggi e la sua assessora Paola Muraro. Nello straordinario e atipico servizio di inchiesta del Tg1 abbiamo visto una inviata che ha percorso e intervistato ogni cassonetto davanti a Roma Tiburtina scoperchiando lo scandalo: c’era pure un po’ di pane raffermo gettato fuori da qualcuno che aveva poca mira. Mai vista una cosa così a Roma. Poi finalmente al tg1 – anche questo mai visto – si intervista una esponente dell’opposizione al regime che scoperchia il puzzo maleodorante di questo scandalo dovuto al potere che comanda nella capitale. Ah, che giornalismo intrepido e di inchiesta! E mica si può stare a spaccare il capello in due e sommessamente fare notare che l’unica intervistata del servizio è la moglie del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini! Vorreste negare il Pulitzer a un servizio così coraggioso di una testata diretta da un uomo che non guarda in faccia a nessuno, fosse anche la moglie del ministro a cui spalancare i microfoni? (fonte)

VERGOGNA – I super #stipendiRai si mangiano più di metà #canone

CoJIVXFWgAAMjjwFico (M5s) “Scandalo coperto dal governo, Dall’Orto venga in Vigilanza”

Senza i soldi dei contribuenti Viale Mazzini fallirebbe. Ben 65,5 euro dei cento del canone servono per gli spot Pro-Renzi nei TG e per pagare gli stipendi di dipendenti e collaboratori.

Per ogni euro guadagnato dal direttore generale della Rai, Antonio Campo dall’Orto, oltre sessanta centesimi provengono dagli abbonati. Insomma, sui circa 650mila euro annui di stipendio del top manager, quasi 390mila euro sono pagati attraverso il canone. È quello che si evince analizzando il bilancio 2015 della tv di Stato….Continua >>

Porta a Porta, la 5Stelle Lezzi a Orfeo: “Dirige il Pd1”. Vespa fuorionda: “La prendo a schiaffi?”

snapshot401
Puntata sul Brexit. La senatrice M5S replica a muso duro al direttore del Tg1 che la interrompe mentre lei elogia la coerenza di Cameron che aveva mantenuto la parola di concedere il referendum

Siparietto a Porta a Porta ieri sera, nella puntata sul Brexit. Gli animi si scaldano quando il… Continua »

#RAI, È IL GIORNO DELLA MARMOTTA

rai-logo.jpg11012014042037135
CINEGIORNALE LUCE
RIPETETE UNA BUGIA cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità ”. Il triste aforisma ha un ancor più triste genitore: il gerarca nazista Goebbels. Però rende l’idea. A meno di una settimana dal primo turno delle Amministrative e a poco più di una settimana dai… Continua »

IL TG1 NON LASCIA, RADDOPPIA

cinegiornale
LE BATTAGLIE del premier si moltiplicano, il Tg1 adegua il format: ecco il servizio-doppietta. Ieri Renzi aveva due impellenze: alimentare la propaganda del Sì sul referendum costituzionale e spegnere la polemica sugli 80 euro. Nessun problema: ci pensa la Rai. Il servizio si apre così: “Duecento uomini e donne di… Continua »

VIRGINIA RAGGI STA SUBENDO UN ATTACCO SENZA PRECEDENTI. MA QUANTA PAURA HANNO?

Gli attacchi che sta ricevendo Virginia Raggi sono incredibili. Evidentemente per tanti cialtroni, amici dei lobbisti, “mungitori” di Roma o buoni amici di Mafia Capitale la paura fa 90! Vi rendete conto che se dovessimo vincere a Roma scopriremmo chi ha prodotto 15 miliardi di euro di debiti e quanti “titoli-derivati-tossici” hanno comprato con le tasse dei romani? Pensavate che sarebbe stata una passeggiata di salute questa campagna elettorale? Alessandro Di Battista facebook post

CINEGIORNALE LUCE – IL TG1 AI TEMPI DEL DITTATORE MATTEO

cinegiornale
PER LA CRONACA, CI SAREBBE DENIS

IL TG1 DELLE ORE 20 lancia il servizio sulla condanna di Denis Verdini nella seconda parte del notiziario. Prima c’è spazio, nell’ordine, per due video sul vertice europeo sui migranti (il secondo interamente dedicato alle dichiarazioni di Matteo Renzi), uno sull’alleta terrorismo in Germania,… Continua »

Matteo di casa su «Sky» e «Tg1». Nelle presenze in tv non ha rivali (Franco Bechis)

renzi1

Franco Bechis – Libero 28.11.2015

La riforma della Rai che darà tutti i poteri all’amministratore delegato nominato dal governo (è scontato sia l’attuale direttore generale Antonio Campo Dall’Orto) è ormai all’ultimo step parlamentare, fra mille grida delle opposizioni per le mani che Matteo Renzi starebbe per mettere sulla informazione pubblica. Grida un po’ pleonastiche se si guardano gli ultimi dati sul pluralismo politico pubblicati sul proprio sito Internet dall’Autorità di garanzia nelle comunicazioni, relativi alla Rai e a tutti gli altri canali televisivi per il mese di ottobre 2015. Dati che indicano come se in Italia in genere l’informazione soffre, quella televisiva e in particolare quella della Rai, s’offre.

Non c’è alcun bisogno di metterci le mani sopra, perchè il titolare di palazzo Chigi ha già tutta l’informazione in mano.

E infatti ha percentuali ridicole il Movimento 5 stelle che secondo i sondaggi attuali potrebbe perfino battere Renzi e il Pd a un ballottaggio, e sul Tg1 ad ottobre ha raccolto appena il 7,76% dello spazio. vai all’articolo

DISINFORMAZIONE A RETI UNIFICATE – Molta propaganda e notizie evanescenti

il-pagliaccio
48 ore di zapping tra i telegiornali monocolore dei tre canali della televisione pubblica

Nanni Delbecchi | il Fatto Quotidiano 4.10.2015

Nessuno volò sul nido dei gufi, al massimo qualche cornacchia gracchiante qua e là, al riparo degli abbaini della terza Rete, quella che non ha ancora capito bene chi ha vinto. Per il resto cinguettii di passeri, trilli di merli e tante allodole ad annunciare l’alba di un nuovo giorno per l’Italia, la luce alla fine del tunnel.
Ecco la cronaca fedele di 48 ore trascorse nei Tg delle meraviglie Rai, era Maggioni-Campo dall’Orto, a guardare i telegiornali diretti da Mario Orfeo (Tg1), Marcello Masi (Tg2) e Bianca Berlinguer (Tg3). CONTINUA A LEGGERE

Renzi come Pinocchio, le bugie contro i 5 stelle

renzi_pinocchio
Al TG1 accusa il Movimento di non voler cambiare la legge elettorale

Matteo Renzi al Tg1, ieri sera, è un fiume in piena contro il Movimento 5 Stelle. Il sindaco di Firenze accusa i grillini di costare troppo al Paese e di non voler cambiare la legge elettorale. Strano, poiché il Movimento 5 Stelle è l’unico a rifiutare i rimborsi elettorali (che il PD invece prende, eccome!). Strano, ancora, poiché sempre i grillini sono stati gli unici a votare la mozione Giacchetti per cambiare la legge elettorale (che il PD, renziani inclusi, hanno rifiutato).

Ecco la risposta del deputato M5S Di Maio:

schermata476

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: