Archivi tag: renzi

Lo sberleffo – UN SMS DA DUE EURO PER MATTEO IN TRENO

22310523_1610683852323472_575537160249143267_nIL TRENO di Matteo è in viaggio, soste continue, giro d’Italia in ogni provincia, ma qualcuno dovrà pagare, quando si fermerà all’ultima stazione. Il bilancio del Partito democratico è in rosso dopo gli investimenti enormi per perdere il referendum, i dipendenti del Nazareno sono in cassa integrazione e dunque chi paga?….Continua a leggere >>

Annunci

Il Pd rispolvera il “treno di Rutelli”: 400mila euro per LaBuffonataTour

22519328_1685648438175750_6594183390439198324_nMa quanto costa il treno di Renzi?

Affittare un treno è possibile, basta pagare e per il treno di Renzi ci penseranno le casse (esangui)… Continua »

La porcata antidemocratica della fiducia sulla legge elettorale

snapshot471FASCISTELLUM

Esattamente come all’epoca dell’approvazione dell’Italicum, il governo ci ricasca e pone nuovamente la fiducia sulla legge elettorale. Nonostante le promesse, il Pd cerca di far passare il Rosatellum a colpi di fiducia, nonostante solo pochi mesi fa sia Gentiloni che Renzi erano soliti sostenenere che le regole “si devono scrivere tutti insieme” e che la legge elettorale avrebbe dovuto essere frutto di un accordo tra le varie forze parlamentari….Continua >>

Un altro 4 dicembre (M.Travaglio)

fascistellumUn governo illegittimo, sostenuto da una maggioranza fittizia figlia di una legge elettorale incostituzionale e spalleggiato da un capo dello Stato eletto da quella falsa maggioranza e già firmatario di una legge elettorale incostituzionale, impone la fiducia a se stesso su una nuova legge elettorale incostituzionale senza averne il potere (la legge non è di iniziativa governativa, ma parlamentare) per impedire al Parlamento di discutere, emendare ed eventualmente bocciare una norma studiata a tavolino da quattro partiti per favorire se stessi e far perdere le elezioni alla prima forza politica del Paese (il M5S) e alla sinistra non allineata, e per consentire a un pugno di capi-partito di nominarsi i due terzi delle prossime Camere, truccando le regole del gioco a pochi mesi dalle urne in barba alla raccomandazione del Consiglio d’Europa del 2003 (citata anche da sentenze della Corte di Strasburgo) di non modificare le leggi elettorali nell’ultimo anno prima delle elezioni.

Stiamo parlando della legge “nostra” per antonomasia: quella che regola il diritto di voto, la sovranità popolare sancita dall’articolo 1 della Carta e ora confiscata dai partiti come “cosa loro”.

I precedenti di un voto di fiducia sulla legge elettorale sono, nell’ultimo secolo, appena tre e tutti poco rassicuranti: il primo sulla legge Acerbo del 1923, che assicurò a Benito Mussolini una maggioranza in Parlamento che non aveva nel Paese; il secondo sulla cosiddetta “legge truffa”del 1953 (un modello di democrazia al confronto degli ultimi obbrobri: assegnava un piccolo premio di governabilità a chi si aggiudicava il 50% dei voti più uno); il terzo nel 2015 sull’Italicum, poi dichiarato incostituzionale dalla Corte.

Infatti ieri è inorridito persino Napolitano, il che è tutto dire. Nemmeno B. aveva osato tanto nel 2005, quando impose il Porcellum, anche lui alla vigilia del voto. E dire che la legge Calderoli, portando la firma del ministro delle Riforme, era di iniziativa governativa, così come l’Italicum firmato dieci anni dopo dalla ministra Boschi: dunque in quei casi, per quanto forzata, la fiducia un senso poteva averlo. Stavolta il governo Gentiloni si era volutamente e dichiaratamente tenuto fuori dalla legge elettorale, infatti il Rosatellum-1, il Tedeschellum e il Rosatellum-2 sono stati tutti di iniziativa parlamentare.

Il Rosatellum prende il nome dal capogruppo del Pd alla Camera, previo accordo con Pd, Ap, FI e Lega: due forze di maggioranza e due di opposizione. Che c’entra il governo Gentiloni? E perché mai chi del Rosatellum non condivide il metodo (l’accordo con B. e Salvini) o il merito (coalizioni finte e solubili, nominati à gogo, niente voto disgiunto, 6 pluricandidature) dovrebbe affossare il governo? E quali cause di forza maggiore giustificano la fiducia per approvarlo in blocco, senza emendamenti né dibattiti, visto che il Parlamento ha il tempo e i numeri per votarlo con le normali procedure? E che fine hanno fatto i moniti del Quirinale contro gli abusi di fiducia anti-Parlamento?Continua >> ARTICOLO INTERO SU IL FATTO QUOTIDIANO IN EDICOLA OGGI

De Masi: Abisso di stile tra Di Maio e Renzi, con Di Maio abbiamo fatto un buon passo avanti

snapshot436Il sociologo Domenico De Masi commenta un video che mette a confronto le parole di Di Maio e Renzi sui sindacati…VIDEO>>

IL GRANDUCA VUOLE 5 VAGONI, 4 PIÙ DEL DUCE (Daniela Ranieri)

duceMa quanto è insensata, fuori dal tempo e megalomane l’idea di affittare un treno vero dalle Ferrovie dello Stato, con relativa occupazione dei binari ordinari, per fingere di essere un viaggiatore comune mentre si sta facendo un tour elettorale per ridiventare presidente del Consiglio cioè ciò che si era promesso di non voler più essere in caso di una sconfitta che si è puntualmente verificata? Abbastanza perché venisse a Matteo Renzi. Ufficialmente, il tour in… Continua »

Da Rimini un nuovo invito per Renzi

snapshot389Barbara Lezzi M5S

“Mio marito ha l’Alzheimer, ma lo Stato mi nega il trasferimento per assisterlo” | VIDEO

snapshot363Si trova di fronte ad una scelta Rosetta Pennacchio: la sussistenza della sua famiglia o assistere il marito malato terminale di Alzheimer. Insegnante di ruolo a Firenze dal 2015, Rosetta ha chiesto il trasferimento per stare vicina al suo compagno, come all’epoca previsto dalla legge. Ma la Buona Scuola introdotta dal Governo Renzi ha cambiato le carte in tavola e la donna, residente con la famiglia a Giugliano, si è vista scavalcare in graduatoria e negare l’avvicinamento….Continua>>

I fantocci di Renzi e Poletti “ghigliottinati” in piazza a Venaria: al via la protesta contro il G7 industria e lavoro

snapshot337I fantocci di Matteo Renzi e di Giuliano Poletti sono stati decapitati davanti alla Reggia di Venaria, sede del summit su industria e lavoro che si terrà a fine mese. La manifestazione di dissenso è stata messa in atto dalla rete antagonista Torino Reset G7 ed è la prima di… Continua »

“Ho amato uomini e donne, sono pansessuale. La masturbazione per me è sempre stata fondamentale”

Gianna Nannini performs at Roma Auditorium Parco della MusicaHa una compagna e una figlia che si chiama Penelope. Non crede nel matrimonio ma si è sposata proprio per il bene della sua bambina. Gianna Nannini parla al Corriere della Sera, in una lunga intervista in cui parla di tutto: la sua giovinezza, il rapporto con i genitori, l’amore… Continua »

M5s chiede a Boldrini e Grasso di poter rinunciare ai vitalizi

L. elettorale: Camera, in corso pareri su emendamentiIl MoVimento 5 stelle chiederà formalmente ai presidenti di Camera e Senato di poter rinunciare come parlamentari del Movimento alla pensione “privilegiata” dei parlamentari. Lo hanno annunciato in conferenza stampa deputati e senatori M5s. “Questo atto di rinuncia formale e sostanziale – affermano – è l’ultima iniziativa forte che facciamo…. Continua »

Renzi? Diffama, accusa e poi scappa! Noi andiamo avanti.

snapshot324Ciao a tutti, sono Angelo Tofalo, membro del Copasir e Portavoce del MoVimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati. Qualche settimana fa ho postato un video in cui vi raccontavo le motivazioni per cui ho dato mandato ai miei legali di procedere nei confronti del signor Matteo Renzi. Le sue… Continua »

“Condoni, cemento e il Ponte sullo Stretto: il Pd di Renzi non è mai stato ambientalista”

angelo-bonelli-dimissioni-220x150Angelo Bonelli Il presidente dei Verdi replica alla rivendicazione ecologista dell’ex premier

Quando Matteo Renzi in una lettera pubblicata ieri su Repubblica, ha scritto che il Pd è “il più grande partito ambientalista d’Italia”, Angelo Bonelli, presidente dei Verdi, ha pensato a una specie di scherzo. “Pensavo di trovarmi davanti… Continua »

Maurizio Belpietro: ‘Gentiloni governa ma Renzi continua a decidere’

snapshot317Maurizio Belpietro (Direttore La Verità): ‘Le nomine continua a farle Renzi, ha un potere reale che va oltre la sua presenza a Palazzo… Continua »

Intercettazioni, M5S: “È ricatto verso le procure, si vuole salvare Renzi su caso Consip”

intercettazioni-300x225-220x150Lo schema di decreto sulle intercettazioni preoccupa il Movimento 5 Stelle. La deputata 5stelle Giulia Sarti, contattata da Fanpage, dice che il testo viola il principio costituzionale della tutela della libertà di stampa: “È un ricatto”, ha detto. Se la bozza di decreto sulle intercettazioni fosse confermata si parlerebbe di… Continua »

Salvabanche, “avete rubato lo dice a sua sorella”. L’eleganza di Renzi con la contestatrice truffata

snapshot257Nella blindata Festa dell’Unità di Bologna, da dove Matteo Renzi ha scelto di tornare in pubblico dopo le ferie estive, una signora ha contestato il segretario del Pd sulle riforme bancarie realizzate quando era al governo. Renzi in apertura del comizio ha fornito un numero di cellulare invitando i presenti… Continua »

M5s contro Merkel: “Ci prende in giro, sa che Renzi non conta nulla e punta su Berlusconi”

merkel-berlusconi-europa-300x225-220x150Dura presa di posizione del MoVimento 5 Stelle dopo le indiscrezioni sul presunto endorsement della Merkel a Silvio Berlusconi. Nei giorni scorsi, alcuni organi di informazione avevano riportato una indiscrezione secondo cui Angela Merkel avrebbe deciso di “scaricare Matteo Renzi” per puntare nuovamente su Silvio Berlusconi. Il retroscena aveva generato… Continua »

Di Battista: “Renzi e Gentiloni hanno mentito alla famiglia Regeni e al Paese”

di-battista-696x385-220x150“Quanto scritto dal New York Times è gravissimo e chiama in causa quattro personaggi oscuri, che da più di tre anni tengono in mano il Paese a proprio uso e consumo: Renzi, Gentiloni, Minniti e Alfano. Il New York Times rivela che l’ex amministrazione Obama informò Renzi e Palazzo Chigi… Continua »

Pugno di ferro? Faccia di bronzo!

2059715di Luigi Di Maio

L’ipocrisia di Matteo Renzi non ha eguali. Oggi dice che bisogna usare il “pugno di ferro” contro le Ong che hanno contatti con gli scafisti, peccato però che quando sollevai io il tema in aprile si mise a sparare a zero sul MoVimento 5 Stelle e… Continua »

Jobs Act, il fallimento di Renzi è completo

renzi-675-3Un’altra tegola si abbatte sul Jobs Act voluto fortemente dal governo Renzi: la normativa in materia di licenziamenti infatti potrebbe essere considerata discriminatoria. A stabilirlo è una sentenza del Tribunale del Lavoro di Roma, il quale ha rinviato alla Corte Costituzionale il giudizio sulle norme contenute nel contratto a tutele… Continua »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: