Archivi tag: beppe grillo

Reporters sans Report (Marco Travaglio)

Reporters-sans-frontières-RSFOra che anche Reporter Sans Frontières si è bevuta la fake news secondo cui in Italia la libertà di stampa è minacciata da Grillo, che notoriamente controlla tutte le tv, le radio, i giornali, i siti web e i social, siamo tutti più sollevati. Potremo allegramente andare a votare con… Continua »

Grillo all’Estate Fiesolana: siluri Pd sul sindaco Ravoni

beppe grilloBeppe Grillo nel cartellone dell’Estate Fiesolana ed è bufera. Il comico genovese è stato inserito nel programma per il prossimo 28 giugno. E il Partito democratico attacca con il suo segretario di Fiesole Emanuele Vannucci, che sulle pagine del Corriere Fiorentino definisce l’amministrazione comunale di Anna Ravoni (eletta grazie a… Continua »

Report, blog Grillo contro il dem Bonifazi: “Risponda alle nostre 10 domande invece di querelare”

bonifazi-675Dopo l’inchiesta di Report sul salvataggio de l’Unità e dopo la guerra a suon di annuncio di querele del Pd contro la trasmissione Rai, l’azienda stessa e il Fatto Quotidiano, il blog di Beppe Grillo ha pubblicato una lista di dieci domande rivolte al tesoriere dem Francesco Bonifazi. “Qui”, si legge nel post, “a chiedere i danni dovrebbero essere tutti gli imprenditori italiani onesti che non avendo acquistato l’Unità e non avendo contatti con il Pd o con Matteo Renzi e Francesco Bonifazi non hanno alcuna speranza di lavorare”. Il tesoriere del Pd “dovrebbe rispondere anziché querelare e intimidire i giornalisti che fanno il loro lavoro”.

Le questioni che vengono poste riguardano l’inchiesta del programma Rai, andata in onda il 10 aprile scorso e chiedono chiarimenti sulla posizione dell’imprenditore Massimo Pessina e sul suo ruolo nel salvataggio de l’Unità. Riportiamo le dieci domande così come le ha pubblicate il blog di Grillo:

1.E’ stato lei, insieme a Renzi, il regista del salvataggio de L’Unità ad opera del Gruppo Pessina?
2. Questa operazione è stata utilizzata come una ‘merce di scambio/una sorta di scambio politico’ a fronte di appalti in favore di Pessina, che poi sono prontamente arrivati sia l’anno successivo (2015) che l’anno dopo ancora (2016)?
3. Quali sono state le argomentazioni utilizzate per convincere un Gruppo già in difficoltà, come quello di Pessina, a dare vita ad una operazione economica a forte rischio, come quella dell’acquisto dell’Unità che comporta una perdita di 400.000 euro al mese, circa 5 milioni di euro all’anno?
4. Perché avete rifiutato l’offerta dell’imprenditore Matteo Fago, pronto a finanziare il quotidiano con 10 milioni di euro?
5. Perché avete insistito tanto per far acquistare L’Unità al Gruppo Pessina?
6. Come mai, nonostante gli appalti milionari che arrivano all’editore Pessina, l’Unità non riesce a pagare gli stipendi ai propri dipendenti e ai giornalisti ed è ricorsa, addirittura, a licenziamenti collettivi?
7. Non trova inopportuno che un imprenditore privato (Pessina), socio del Pd e proprietario dell’80% del quotidiano del partito, riceva, senza alcuna gara, appalti a seguito di accordi sottoscritti dal segretario del Pd, in qualità di Presidente del Consiglio dei Ministri?
8. Non trova inopportuno che il socio di un imprenditore privato, nonché a.d. del quotidiano L’Unità Guido Stefanelli, accompagni il presidente del Consiglio in missioni istituzionali all’estero (tipo Kazakistan o Iran) e riceva, senza alcuna gara, appalti milionari per opere da realizzarsi proprio in quei Paesi?
9. Non si è mai chiesto come sia stato possibile che il suo editore Pessina abbia ottenuto un appalto per l’ospedale di La Spezia con un rialzo di offerta pubblica dello 0,01% e che l’opera sia stata finanziata per ben 112 milioni proprio dal Governo Renzi?
10. Non le sembra che in questa vicenda vi sia un palese conflitto di interesse?

di | 13 aprile 2017

PERCHÉ LA BOLLETTA DELL’ACQUA È COSÌ SALATA?

snapshot163Avete mai provato a capire perché negli ultimi 10 anni quello che dovrebbe essere un diritto è diventato invece un salasso? Ascoltiamo i perché dalle parole di Beppe Grillo…. Continua »

Come si fa a non fidarsi di Beppe?

17342999_1483052251708044_2876466827536373519_nDi Elena Fattori Senato M5S

Benvenuto MoVimento 2.0 . Come si fa a non fidarsi di Beppe? Per un pentastellato la frase “non mi fido di Beppe”é semplicemente un ossimoro. È riuscito nella impresa inimmaginabile di scardinare una classe politica, quella italiana, ingrovigliata da un secolo con tutte le sfumature di ogni tipo di potere occulto e di associazioni mafiose. E, cosa non di poco conto, non si è arricchito. Ha rifiutato 42 milioni di euro di rimborsi elettorali ed è riuscito a ridurre i suoi redditi in un Paese dove in Parlamento si imbroglia per avere qualche centinaio di euro di diaria.

Ovvio che il suo unico intento sia quello di progeggere il MoVimento, la creazione preziosa della sua genialità e creatività che probabilmente governerà il Paese al prossimo difficilissimo giro in cui si decideranno le sorti dell’Europa. “Proteggere il MoVimento” é un po’ una sindrome di tutti noi pentastellati della prima ora che fa di noi persone a volte un po’paranoiche.

E c’è di che essere paranoici, perché mano a mano che si sale nei sondaggi il MoVimento è diventato come una carta moschicida che attira sciami di opportunisti, infiltrati, portatori di interessi ; tutti organizzatissimi e molto più esperti di noi pionieri in fatto di scalate e cordate. Non conosco la situazione di Genova quindi la mia meditazione é generale , non sul caso di specie.

Ma é la citta di Beppe e immagino che invece lui la situazione la conosca benissimo e immagino anche che sia simile alla situazione che si osserva in ogni territorio, ovvero un assalto alla diligenza, dove, con la scusa dell’ “uno vale uno” orde di falsi masanielli a difesa della democrazia diretta si dedicano con tenacia alla critica feroce dell’esistente semplicemente con l’ambizione poco nobile di sostituirlo per conquistare poltrone e potere per sè e le proprie consorterie.

Uno vale uno solo se si condivide un sogno sennò uno vale meno di niente. Tutto ciò premesso, va da sè che quello che è successo a Genova non dovrà succedere più, se ci sono serie perplessità sarà importante bloccarle molto prima. Al prossimo giro si potrebbe dover decidere del bilancio di qualche regione o dello Stato, delle grandi aziende di Stato e dell’esercito, delle politiche internazionali …….non basteranno nè amore e dedizione per la causa, né poche fidate persone. Ci vorrá un metodo solido e tanta attenzione e capacità di indagine e analisi. Buon lavoro Beppe, ci fidiamo tutti per definizione, la sfida è difficile ma ne va del destino del Paese, siamo tutti con te, in alto i cuori.

M5s, Di Battista vs Formigli e Latella: “Andate a parlare coi deputati renziani se vi riferite alle marionette”

snapshot50

Vivace polemica a Piazzapulita (La7) tra il deputato M5S, Alessandro Di Battista, e il conduttore della trasmissione, Corrado Formigli. Il tema del dibattito, a cui partecipa anche la giornalista di Sky Tg24, Maria Latella, è il ruolo di Beppe Grillo nel movimento. “Il leader del M5S è un programma, è… Continua »

Beppe Grillo al Fatto: “A Roma abbiamo una squadra meravigliosa”

snapshot28Dopo la mattinata trascorsa all’Hotel Forum con alcuni parlamentari 5 Stelle e, nel pomeriggio, le riunioni in Campidoglio, Beppe Grillo fa ritorno all’albergo dove soggiorna quando è nella Capitale. Legge elettorale ed elezioni, l’amministrazione di Roma, Virginia Raggi e le polemiche per il suo sostegno ai tassisti: il leader M5S… Continua »

Roma, Grillo: “Raggi? Deve ascoltare… con delle orecchie così può farcela”

snapshot22Così il leader M5S Beppe Grillo uscendo dall’hotel Forum a Roma. “Siamo diversi e abbiamo contro un governo ed una regione per questo diciamo ai romani che non possono restare a guardare ma devono diventare sindaci dei loro dieci metri quadri. Le persone hanno bisogno di essere ascoltate, noi abbiamo una sindaca con delle orecchie così…potrà e dovrà ascoltare”, ha concluso…. Continua »

“BUFALINI” A 5S O BUFALONE DI GOVERNO? (Luisella Costamagna)

LUISELLA COSTAMAGNAGrillo lancia il sondaggio sul Bufalino d’oro, “la peggior bufala dei media degli ultimi tempi”, e apriti cielo. Certo, preoccupa sempre quando la politica attacca l’informazione, soprattutto in un Paese che nella classifica mondiale sulla libertà di stampa è già agli ultimi posti. Ma cos’è diventata la nostra informazione? POSSIAMO… Continua »

La banda degli onesti (M.Travaglio)

ilfatto_2017-01-04Siccome lo scriviamo da sempre, non possiamo che felicitarci per la decisione dei 5Stelle di darsi un Codice etico. Meglio tardi che mai: un movimento che si candida a governare deve fissare chiaramente le cose da fare nei vari passaggi che attraversa un eletto o un iscritto (due figure da… Continua »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: